Primary Tournament per dire NO ai matrimoni infantili!

Primary Tournament per dire NO ai matrimoni infantili!

Lorenzo, casco bianco a Moroto, ci racconta il Primary Tournament, il torneo sportivo che ogni anno portiamo avanti con i giovani delle scuole di diversi distretti del Karamoja. L'evento sportivo, oltre a divertire i ragazzi, è promotore di una tematica, di un messaggio per tutte le comunità: STOP ALLA PRATICA DEI MATRIMONI INFANTILI! 
Lorenzo in questo suo scritto ci racconta la preparazione e la cerimonia di apertura...altro che i mondiali di calcio!

"Striscioni appesi, quasi tutte le squadre presenti, centinaia di fans pronti a esultare attorno al campo, un gruppo di ragazzine pronto a esibirsi‚Ķsembra di essere alla cerimonia d'apertura dei mondiali di calcio in Russia ma in verità siamo al centro giovanile "don Vittorio" per l'inizio del torneo di calcio e netball delle scuole primarie di Moroto!
Dopo circa tre settimane di preparazione tra incontri con gli insegnati, training sulle regole da parte degli arbitri sempre per gli insegnati, registrazioni delle 16 scuole di Moroto, organizzazione della cerimonia d'apertura,  finalmente possiamo dare il via al grande torneo che si organizza ogni anno al centro giovanile. Anche in questa occasione è stato scelto un tema, quest'anno il messaggio è "STOP AI MATRIMONI INFANTILI" perché è fondamentale organizzare attività sportive per aiutare i bambini a divertirsi insieme, ma è altrettanto necessario trasmettere un messaggio forte e chiaro per combattere questa pratica troppo frequente ancora qui in Karamoja che pone fine all'adolescenza di ogni ragazza senza darle la possibilità di costruirsi un futuro migliore. Così la giovanissima moglie si trova senza un'istruzione scolastica e, avendo sulle spalle una famiglia da portare avanti, visto che la probabilità poi di diventare madre è molto alta, magari anche soggetta ad abusi domestici e/o sessuali.
Per questo motivo, per dare inizio a questo programma abbiamo pensato di sensibilizzare i presenti con degli interventi da parte del nostro coordinatore Kul Chandra, dal comitato sportivo che ci ha aiutato nell'organizzazione, dalla nostra Silvia Orri per Child Protection. Nel mezzo di questi discorsi abbiamo inserito una danza da parte del gruppo di giovani ragazze del centro giovanile che si incontrano ogni settimana con il nostro collaboratore Lomuria. Hanno preparato per noi un ballo tradizionale inerente al tema e all'educazione. Per l'occasione abbiamo anche scritto, su degli striscioni, delle frasi contro i matrimoni infantili che alcuni ragazzi hanno mostrato per tutta la cerimonia e che appenderemo alle reti attorno ai campi di calcio e netball durante le partite del torneo.
Ora possiamo entrare nel vivo del torneo fischiando il calcio d'inizio delle partite. Quest'anno per evitare troppe differenze di età e di statura tra le squadre, sono state create due competizioni: una categoria "junior" per i ragazzi da 9 ai 13 anni e una categoria "senior" per i ragazzi dai 14 ai 16 anni. Ogni settimana sono previsti 8 incontri che si svolgeranno in mercoledì e in giovedì, dove si scontreranno le squadre prima nei diversi giorni e poi nella fase a eliminazione diretta. Il programma ci accompagnerà per circa tre mesi, dove poi proclameremo i vincitori, i migliori giocatori e i migliori marcatori.
Questo programma sarà molto utile per aiutare i ragazzi a crescere nel gioco e nel rispetto delle regole ma soprattutto sarà un'occasione per offrire a giocatori e agli spettatori un luogo di incontro e di condivisione, come è nello stile del centro giovanile "don Vittorio".